HOME
INDUSTRIA 4.0
MECCANISMI INCENTIVANTI

MECCANISMI INCENTIVANTI


Quali sono e come vi si accede
Che la sia chiami Quarta Rivoluzione Industriale, Smart Factory, Smart Manufactoring o Industria 4.0, il concetto non cambia: per competere nel mercato globale le aziende hanno bisogno di integrare alte tecnologie nel processo produttivo, e le principali previste dal Piano nazionale Impresa 4.0 (ex Piano Calenda) sono le seguenti:
  • big data e analisi dei dati;
  • interfaccia uomo macchina;
  • sistemi di visualizzazione e realtà aumentata;
  • manifattura additiva;
  • internet delle cose e delle macchine e integrazione digitale dei processi aziendali;
  • cloud e fog computing;
  • cyber security;
  • sistemi cyber-fisici;
  • prototipazione rapida;
  • robotica avanzata e collaborativa.

Chi sceglie di scommettere su di esse per salire sul treno dell’innovazione, ha come input, tangibile ed immediato, un mix di sgravi ed incentivi fiscali, contributi a fondo perduto, incentivi all’investimento in startup e PMI innovative ed altri strumenti dedicati allo sviluppo della competitività.


QUALI SONO GLI INCENTIVI E COME OPERANO?


Le possibilità sono multiple, ma le principali, per le quali IPI s.r.l. può essere un valido affiancamento, sono le seguenti.

  • beni materiali (macchine, attrezzature, ecc.) contenuti nell’All. A del Piano Nazionale 4.0 (link all’elenco – All.A);
  • beni immateriali (licenze, software, sistemi) elencati nell’All. B del Piano Nazionale 4.0 (link all’elenco – All.B), indispensabili per digitalizzare ed interconnettere i beni materiali presenti nell’ All. A;

  • applicando una supervalutazione del 250% della spesa effettuata per attuare la trasformazione in chiave 4.0, e tale incentivo è definito iper ammortamento.
    I beni immateriali, non indispensabili e non connessi a beni in allegato A, invece, possono godere di un ammortamento massimo totale del 130%, e qui parliamo di super ammortamento.
Punta a sostenere le imprese che richiedono finanziamenti per investimenti in nuovi beni strumentali, macchinari, impianti, attrezzature di fabbrica a uso produttivo e tecnologie digitali (hardware e software). Assicura un contributo a parziale copertura degli interessi pagati dall’impresa su finanziamenti bancari di importo compreso tra 20.000 e 2.000.000 di euro, concessi da istituti bancari convenzionati con il MISE.
Il contributo è calcolato sulla base di un piano di ammortamento convenzionale di 5 anni con un tasso d’interesse del 2,75% annuo ed è maggiorato del 30% per investimenti in tecnologie Industria 4.0. Inoltre questa forma di incentivo consente l’accesso al Fondo centrale di Garanzia nella misura massima dell’80%.
Lo scopo è stimolare la spesa privata in Ricerca e Sviluppo per innovare processi e prodotti e stimolare così la competitività futura delle imprese. Consiste in un credito d’imposta del 50% su spese incrementali in Ricerca e Sviluppo, riconosciuto fino a un massimo annuale di 20 milioni di €/anno per beneficiario e computato su una base fissa. La misura è applicabile per le spese in Ricerca e Sviluppo che saranno sostenute nel periodo 2017-2020, ed è un beneficio cumulabile con Iper/super ammortamento e Nuova Sabatini.
La Legge di Bilancio 2018 prevede che venga attribuito, a tutte le imprese che effettuano spese in attività di formazione nel periodo d’imposta successivo al 31 dicembre 2017, un credito d’imposta nella misura del 40 per cento delle spese ammissibili sostenute nell’anno 2018 nel limite massimo di 300.000 euro per ciascuna impresa beneficiaria.



COME SI ACCEDE AGLI INCENTIVI?


Ogni beneficio fiscale ha un proprio iter e caratteristiche, sia a livello fiscale che tecnico.

Ad esempio, per accedere all’iper ammortamento del 250%, l’impresa deve:
  • a livello fiscale acquistare i beni, materiali o immateriali, dal 1 gennaio 2017 fino al 31 dicembre 2018 o deve emettere l’ordine di acquisto e pagare un acconto maggiore del 20% entro il 31 dicembre 2018 e mettere in funzione il bene entro il 31 dicembre 2019;
  • dal punto di vista tecnico preparare un’attestazione che dimostri che il bene possieda tutte le caratteristiche tecniche vincolanti previste dalla legge e soprattutto che sia interconnesso al sistema di gestione della produzione o alla rete di fornitura.



COME POSSIAMO ESSERVI UTILI


State pianificando di approfittare dei benefici fiscali messi a disposizione dal Governo Italiano e sfruttarne le massime potenzialità: molti degli strumenti, anche se diversi, sono cumulabili tra loro (ad es. l’utilizzo della Nuova Sabatini non preclude l’utilizzo del super ammortamento).
  • Accesso alle sovvenzioni, fondi e incentivi fiscali sopra descritti attraverso la predisposizione di domande, relazioni tecniche e redazione delle pratiche per l’ottenimento dei benefici: rilasciamo perizie tecniche o attestazioni di conformità (obbligatorie nei casi di investimenti maggiori di 500.000 euro).
  • Consulenza per la pianificazione e realizzazione di piani formativi specifici e propedeutici alla 4.0 al fine di poter sfruttare il credito di imposta Formazione 4.0